Parrocchia

Cappellania casa di risposo e cimitero – Assistenza Ospedaliera
Vice Postulazione del Venerabile Fr. Serafino da Pietrarubbia – Apostulato Ausiliario

Il primo convento, iniziato a costruire nel 1541 i finito nel 1544, era distante circa due miglia dalla città con chiesa dedicata alla S. Croce. Nel 1590 i Cappuccini si trasferirono in un altro sito più vicino alla città, distante da questa 46 passi, dove furono costruiti un nuovo convento «con il prezzo dell’antico convento demolito, e venduto per fare questo nuovo» e la chiesa dedicata a S. Michele Arcangelo.

Dall’Inchiesta del 1650 risulta che disponeva di 34 celle e 4 infermerie; vi dimoravano inoltre 27 religiosi, di cui 4 sacerdoti, 14 studenti, 2 chierici e 7 laici. Nel 1703 fu aggiunto dietro il coro un altro braccio con 16 celle; nel 1765 6 celle per l’infermeria e la cappellina; nel 18825 venne costruita la loggia sopra l’ingresso del convento sul lato destro della chiesa. Questa, consacrata nel 1726, era una delle più grandi della Provincia delle Marche, a navata unica con quattro cappelle sul lato sinistro; restauri vi furono eseguiti nel 1790 e 1794.

Dopo la soppressione del 1810 i Cappuccini tornarono nel 1816 ma dovettero chiudere definitivamente il convento nel 1866 per la seconda soppressione e dimorarono in un’antica casa, officiando la chiesa di S. Bernardo. Un terzo convento venne costruito nel 1884 su una collinetta ad ovest della città dove si trasferirono nel 1886; la chiesa, dedicata a S. Pietro Martire, sorgeva sul luogo dove questi era stato imprigionato nel 1240 e aveva 2 cappelle per ogni lato. Nel 1907 subì l’ingrandimento del coro e ulteriori ristrutturazioni nel 1972; nel 1921 il convento fu adibito a seminario che venne chiuso nel 1968. Il convento è stato ristrutturato nel 1992.

Via San Pietro Martire, 4 – 60035 Ancona (AN) – Tel. 0731 56127
Tel. Parrocchia 0731 207024 – Fax Parrocchia 0731 225855